piatti tipici italiani: sud italia

Piatti tipici italiani: regioni del Sud Italia

Condividi con i tuoi amiciFacebooktwitterpinterestmail

Guida culinaria per giovani viaggiatori alla scoperta dei piatti tipici del Sud Italia. Se ami viaggiare anche attraverso i sapori del posto, qui troverai le pietanze tipiche regione per regione.

Bentornato giovane viaggiatore! Eccoci nella terza parte dell’articolo, alla scoperta dei piatti tipici di ogni regione italiana. Ricordi? Ci siamo salutati in Umbria, ma è giunta l’ora di proseguire nel nostro viaggio culinario e immergerci nel calore delMeridione con la sua tipica accoglienza che caratterizza anche la cucina: i celebri sapori freschi e golosi rimangono per sempre impressi nei ricordi di ogni avventore.

Tra i piatti tipici italiani, puoi trovare anche una vasta scelta di opzioni street food e man mano che ti orienti verso il Sud Italia, vedrai comparire furgoncini e camionette adibite al cibo di strada che ti chiamano seducenti.

Annotazione di viaggio: prova a lasciare Google Maps a riposo e perditi per i vicoli meno turistici alla scoperta delle portate principali di ogni regione, il meglio della tradizione si nasconde proprio lì!

Hai l’acquolina in bocca anche tu? Fantastico! Quindi, forchetta in mano, cucchiaio nell’altra e andiamo! Ecco i piatti tipici del Sud Italia.

Piatto tipico dell’Abruzzo: i rustell

arrosticini abruzzo

Un piatto unico in Italia è dato da quelli che sono comunemente conosciuti come arrosticini di pecora. I rustell sono degli spiedini tubolari di carne cotti alla brace e c’è veramente poco da dire: nell’addentarne uno ritrovi l’amore per i cibi tipici italiani. Ti avviso, guai andare in Abruzzo e mangiare gli arrosticini con forchetta e coltello. Uomo avvisato, mezzo salvato!

Anche in questo caso, dobbiamo essere riconoscenti ai pastori abruzzesi per averli ideati dai ritagli di carne durante i loro duri spostamenti con il bestiame e, come per le olive all’ascolana, oggi sono disponibili su tutto il territorio nazionale.

Piatto tipico del Molise: nierve e musse

carciofi molise

Nei paesini del Molise, è facile trovare una singolare insalata per nulla vegetariana che forse pochi turisti finiscono con l’apprezzare e per questo motivo credo sia ben poco conosciuta. Mi riferisco al nierve e musse che in sostanza sono nervetti di gamba di vitello e muso di maiale lessati e conditi con un’emulsione di olio extravergine d’oliva, sale e limone… parecchio limone, per essere precisi. Sì, lo so cosa stai pensando! Ma non ti dimenticare che i più importanti piatti tradizionali italiani nascono dalle ricette di recupero e molti di loro sono parte integrante delle fondamenta gastronomiche italiane. Poi, se un piatto incontra il tuo gusto, non badare agli ingredienti e butta giù!

Curiosità: questo stuzzichino, “passatiempe” in dialetto molisano, era già servito nelle osterie di Campobasso quando questo era soltanto un borgo e, come tanti altri cibi tipici italiani, oggi lo puoi assaggiare in versioni simili in diverse regioni italiane. Per esempio, in Campania si chiama o’ pere e o’ musso.

Un altro piatto tipico sono i carciofi alla molisana, fatti con ripieno di pangrattato, aglio, olio, formaggio grattugiato e prezzemolo. Se non ne hai ancora abbastanza, completa il pasto con le gustose torte salate.

Piatti tipici della Campania: casatiello e minestra maritata

minestra maritata campania

La mia famiglia è originaria di Caserta e della mia infanzia ricordo bene le vacanze tra cibo e sole! Ti voglio parlare di due ricette tipiche campane che mi hanno particolarmente segnata e ad oggi non manco di prepararle per le occasioni speciali.

Tra le ricette di cucina italiana, il casatiello è un piatto tipico regionale delle festività di Pasqua: si prepara il giorno prima e si mangia il giorno della resurrezione. La tradizione vuole che sulla sommità della torta, ci siano quattro uova rinchiuse in striscioline di pasta a forma di croce e se da fuori non mostra particolari segni d’abbondanza, l’interno è un tripudio di cicoli, salame napoletano, caciocavallo e pecorino. E’ talmente ricco che lo si mangia a piccole porzioni, ma la parte avanzata diventa un’immancabile garanzia per l’uscita di Pasquetta.

La minestra maritata, invece, è uno fra i piatti tradizionali natalizi più saporiti del Meridione ed è sostanzialmente semplice da preparare, se escludi i tempi di cottura. Ti servirà la “menestrella”, un misto di verdure ed erbe aromatiche ben precise da abbinare a uovo sodo sbriciolato, costine e salsiccia con finocchietto e il tutto è irrorato da brodo scuro.

I primi cenni di storia, risalgono al Seicento con l’antica ricetta della “minestra di foglie alla napoletana” ritrovati nel testo di Antonio Latini.

Curiosità: questa minestra si definisce “maritata” perchè l’unione tra gli ingredienti è un vero e proprio sposalizio di equilibrio tra verdura e carne.

Altre specialità immancabili della cucina campana sono: la frittata di maccheroni, la pizza di scarola e il babà.

Piatto tipico della Puglia: le orecchiette alle cime di rapa

orecchiette puglia

Andando avanti nel nostro viaggio tra i piatti tipici del Sud Italia, ti presento un grande classico della cucina pugliese: le orecchiette alle cime di rapa. E’ un tipico primo piatto regionale composto da farina di semola di grano duro, fatta a mano con forma simile all’orecchia, condita con cime di rapa saltate in aglio, olio e peperoncino.

L’origine di questo piatto della dieta mediterranea è molto antica: pare che risalga al Medioevo, così come tante altre specialità regionali italiane.

Non c’è molto altro in più da dire su questo prodotto tipico della Puglia, anche perché descriverne il gusto non rende minimamente giustizia al ritrovarselo davanti, fumante e pronto per essere mangiato a gran bocconi.

Un altro cibo tipicamente pugliese è la focaccia barese fatta con lievito madre e semola di grano duro.

Piatto tipico della Basilicata: il peperone crusco

peperone crusco basilicata

Anche per la Basilicata, le ricette tipiche italiane sono numerose, ma in questa sezione a lei dedicata preferisco parlarti di uno dei prodotti gastronomici italiani meno conosciuti nel Bel Paese e altrettanto versatile.

Il peperone crusco è natio della Spagna e giunge in Italia grazie a Cristoforo Colombo e alla sua spedizione nelle Antille. Questo ortaggio, detto anche peperone di Senise, ha una particolare forma simile a quella del peperoncino pur essendo in realtà dolce ed è un autentico patrimonio della Basilicata. Si presta in particolar modo all’essiccazione e lo puoi consumare integro o in polvere, condizione in cui diventa incredibilmente simile allo zafferano. Per l’appunto, è spesso utilizzato come una spezia ed esistono ricette di ogni tipo dove interpreta alla perfezione il ruolo di attore coprotagonista.

Curiosità: il termine “crusco” associato al nome, deriva dalla particolare consistenza croccante che prende il peperone dalla cottura in friggitrice. Alt! Il peperone crusco si utilizza così com’è e non devi assolutamente farlo rinvenire in acqua come per i pomodori secchi. Son proprio due cose diverse.

Piatto tipico della Calabria: la sardella

sardella calabria

Come ultimo cibo tipico dell’Italia meridionale, immagina una crema spalmabile. Fatto? Ora immaginatela rossa fuoco. Si? E adesso spalmala su un crostino di pitta (pane tipico calabrese) e dai un morso.

Ecco a te la sardella, un vero vanto della cucina italiana, nonché una delle ricette facili con cui accogliere e stupire i propri ospiti!

In sostanza, questo cibo tipico regionale è una conserva di pesce arricchita con finocchio selvatico e peperoncini piccanti. La tradizione vuole che vengano utilizzati i bianchetti, ma essendone oggi vietata la pesca, i calabresi si sono adattati utilizzando il pesce ghiaccio così da non privarsi di un valido prodotto locale da vantare. Una specie di ‘nduja di mare!

Gli usi della sardella sono veramente infiniti, ma nella sua semplicità, una volta “conzata” ossia allungata con olio EVO, diventa un tripudio di sapori formato spalmabile.

Curiosità: pare che l’origine della sardella sia da attribuire ad un’antica ricetta romana detta garum che prevedeva anch’essa l’utilizzo di pesce e spezie per la preparazione di ottime salse d’accompagnamento.

Altri piatti tipici della Calabria sono: le frittole e i peperoncini piccanti ripieni.


Questo articolo sui piatti tipici del Sud Italia si conclude qua, ma nonostante la cucina meridionale riempia abbastanza, posso affermare di avere ancora un piccolo spazio che necessita di essere colmato! Sei pronto a scoprire il resto della penisola? Leggi anche:

Nella speranza di averti trasmesso un po’ di fame ti lascio alcune info utili.

Se la tua prossima tappa è il Sud Italia, dovresti assolutamente leggere questi itinerari Made in Sicily.

Se vorresti avere il tuo viaggio organizzato nei minimi dettagli scrivi una mail con scritto “info” a: viaggiaconnati@gmail.com

Mi raccomando, non scordarti di seguirmi su: Instagram e Facebook per rimanere sempre aggiornato!
Per non perderti nessun articolo iscriviti subito alla Newsletter. Così facendo, riceverai anche un PDF con la lista di cose da mettere in valigia per un viaggio perfetto (che trovi qui per farti un’idea)!

P.S. Ti ricordo inoltre che iscrivendoti ad Airbnb tramite questo link avrai diritto a 34€ di sconto da utilizzare subito per il vostro primo viaggio!

Seguimi sui SocialFacebooktwitterpinterestinstagrammail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *