Cordoba cosa vedere in due giorni

Cordoba: cosa vedere in 2 giorni

Condividi con i tuoi amiciFacebooktwitterpinterestmail

Itinerario di viaggio per organizzare una tappa delle tue tappe in Andalusia. Scopri subito cosa vedere a Cordoba in due giorni.

Cordoba (o Cordova) è una delle città più belle e vive dell’Andalusia e dell’intera Spagna. Insieme a Granada e a Siviglia, è tra le città più importanti di questa regione e ne sintetizza pienamente le atmosfere arabe e mediterranee, che prendono qui vita in modo originale e vivace. Le cose da vedere a Cordoba sono tantissime, una più affascinante dell’altra. Il mio consiglio è di prenderla assolutamente in considerazione se si vuole organizzare un viaggio in Europa.

Per quanto riguarda il tempo da trascorrere in questa città, invece, ti suggerisco di visitare Cordoba in due giorni, anche se forse per goderti tutto senza fretta e con calma sarebbe meglio impiegare un weekend. Di seguito ti propongo una guida che comprende le cose secondo me più belle da fare e vedere in questa meravigliosa tappa del tuo viaggio nel sud della Spagna. Cominciamo!

Le 4 cose da vedere a Cordoba in due giorni

Il centro storico di Cordoba è un labirinto di vicoli medievali lastricati e di fontane; un tripudio di elementi architettonici raffinati e di scorci suggestivi che rapiscono il visitatore, proiettandolo in una realtà sospesa tra il mito e la storia, tra il brivido della leggenda e il profumo del presente. All’epoca della dominazione islamica, durante la quale la Spagna si chiamava Al-Andalus (da cui poi verrà il nome odierno della regione più a sud della penisola iberica), Cordoba era la capitale del califfato, il centro nevralgico della trasmissione del sapere e della cultura araba in Europa.

Fatta questa premessa, non perdiamo altro tempo e vediamo subito cosa vedere a Cordoba.
Sei pronto? Partiamo!

La Mezquita

Mezquita Cordoba

Visitare Cordoba è un’esperienza unica. La città, che tenendo conto della parte vecchia risulta in realtà abbastanza grande, nasconde tutte le sue bellezze nel tortuoso labirinto del suo piccolo centro storico, all’interno del quale ti troverai faccia a faccia con uno dei simboli dell’Andalusia e dell’intera Spagna: la Mezquita, ovvero l’antica moschea cittadina risalente al periodo della dominazione islamica.

Questa immensa struttura, protetta da alte mura e da solidi portali, è un esempio perfetto dell’architettura arabo-islamica tipica dell’Andalusia. Il complesso, che occupa 23.000 metri quadri tenendo conto anche del bellissimo cortile (detto “Patio de los Naranjos”, ovvero “Cortile degli Aranci“), è composta da 9 navate e 856 colonne sovrastate dai tipici archi a ferro di cavallo che alternano i colori rosso mattone e bianco.

Questa moschea, che è la più grande e antica dell’Andalusia e che è sicuramente il monumento che ti consiglio di visitare se ti ritrovassi a dover guardare Cordoba in un solo giorno, nasconde al suo interno qualcosa di unico al mondo: un’intera cattedrale cristiana, costruita in seguito alla Reconquista proprio all’interno dell’edificio preesistente. Se vorrai, potrai anche salire su quello che era una volta il minareto della moschea e che è oggi la torre campanaria. La splendida vista della moschea e di Cordoba dall’alto è un’esperienza che non posso che consigliarti vivamente!

Orari: 10.00-14.00 / 16.00-18.00 tutti i giorni
Prezzi: 11€ intero, 9€ ridotto (carta giovani, over 65, studenti fino a 26 anni), 6€ bambini 10-14 anni.

L’Alcázar de los Reyes Cristianos

Alcázar de los Reyes Cristianos Cordoba

L’Alcázar dei Re Cristiani è una fortezza in stile evidentemente arabo-islamico, circondato da giardini dai fiori profumati e da fontane zampillanti d’acqua fresca. Costruito nel 1327 dal re cattolico Alfonso XI, questo complesso è forse meno noto del ben più grande Alcázar di Siviglia o dell’Alhambra di Granada, ma rappresenta comunque uno dei monumenti più interessanti e affascinanti da vedere a Cordoba.

I suoi bagni arabi, le torri (tra cui la Torre dell’Inquisizione), la vista sul Guadalquivir e sul Puente Romano, rendono l’esperienza unica ed irripetibile, da aggiungere alle cose da fare a Cordoba. Passeggiando per i giardini potrai ammirare le statue di tutti i re cattolici legati a questa struttura. La fortezza è divenuta dal 1950 monumento nazionale.

A soli 700 metri troverai anche la Casa de Sefarad (casa della memoria), museo che custodisce ricordi dell’eredità ebraica.

Orari: 8.15-20.00 (da martedì a venerdì), 9.30-18.00 (sabato), 8.15-14.45 (domenica). Lunedì chiuso.
Prezzi: 4.50€ ingresso all’Alcázar + 2.50€ Baños. Gratuito: ogni giovedì (dalle 18 in inverno e dalle 12 in estate) ed anche per i minori di 14 anni e over 65.

Puente Romano

Puente romano Cordoba

Costruito dall’imperatore Augusto nel I secolo d.C., il ponte romano di Cordoba attraversa solidamente ma con eleganza sinuosa il corso del Guadalquivir (unico fiume navigabile dell’intera Spagna) e collega la città nuova alla città vecchia. Lungo 240 metri e largo 9, questa brillante opera di ingegneria è composta da sedici arcate e presenta alle sue estremità una porta, detta “Puerta del Puente” e una torre, la Torre di Calahorra, che oggi ospita il Museo de las tres culturas (ovvero la cultura ebraica, quella cristiana e quella islamica).

Questi due elementi architettonici e difensivi sono stati aggiunti nel Medioevo dagli arabi. Attraversare il ponte per fare una passeggiata, magari la sera, quando è illuminato, è una tradizione irrinunciabile se ti ritrovi a visitare Cordoba. Al centro del ponte si trova la statua del patrono San Raffaele.

A 10 minuti di cammino dal ponte romano sul Guadalquivir, potrai inoltre raggiungere uno dei luoghi di incontro più importanti della città: Plaza de la Corredera. Inoltre, proprio lì a pochi passi, troverai anche il famoso Tempio Romano.

La Juderia: il quartiere ebraico

juderia cordoba

Visitare Cordoba in due giorni è un’esperienza senza dubbio unica. Anche se il tempo a disposizione potrebbe sembrare poco, in realtà ti renderai conto che riuscirai a scoprire tutte le cose più interessanti. Tra queste, merita una menzione la Juderia, il quartiere ebraico con le case tutte bianche e con un piccolo giardino davanti.

I vicoli che attraversano questo quartiere, e soprattutto il “Callejon de las Flores”, sono un’esplosione di fiori profumati e di piccole casette, a testimonianza di un’epoca in cui tre culture, quella islamica, quella ebraica e quella cristiana, sebbene tra loro tanto differenti, hanno convissuto più o meno pacificamente.

All’interno del quartiere è presente la Sinagoga, l’unica in Andalusia con funzione religiosa, preziosa per l’incantevole stile mudéjar messo in pratica dagli architetti islamici che rimasero nel sud della Spagna anche dopo la Reconquista cristiana.

Altre cose da vedere a Cordoba

A circa due chilometri dai luoghi precedentemente descritti troverai alcune altre principali attrazioni, tra cui il magnifico Palacio De Viana, una costruzione di particolare importanza che custodisce porcellane, quadri, mosaici e tesori d’epoca

Approfondendo, inoltre, la cultura ebraica nel quartiere dedicato, ti consiglio una visita alla Sinagoga di Cordoba e all’adiacente Cappella di San Bartolomé.

Se, invece avessi a disposizione un auto noleggiata oppure qualche giorno in più per allungare il tuo itinerario, ti consiglio Medina Azahara (la città di Zahrāʾ), uno dei più importanti siti archeologici spagnoli, che un tempo fu una residenza califfale.

Un’esperienza che ti consiglio di fare, se non hai ancora deciso una data in cui partire, è assistere al Festival dei Cortili di Cordova. Questi ultimi sono stati dichiarati Patrimonio dell’Unesco e sono visitabili tutto l’anno. Tuttavia, per goderteli appieno ti consiglio di recarti a Cordoba nella prima metà di maggio, quando è possibile partecipare ad una vera e propria ricorrenza.

Cosa mangiare a Cordoba

Cosa mangiare a Cordoba: Salmorejo

La città di Cordoba, come tutta la Spagna e in particolare l’Andalusia, è celebre per il buon cibo, talvolta reperibile anche ad ottimi prezzi. Se passi da queste parti e vuoi visitare Cordoba in un giorno o in due, non puoi rinunciare ad assaggiare qualcuno dei piatti tipici del luogo.

Il centro di questa città meravigliosa è pieno zeppo di locali di ogni tipo, dove potrai ordinare delle vere e proprie prelibatezze, adorate tanto dai cittadini quanto dai suoi visitatori. Tra le cose più buone ti segnalo il Salmorejo, il piatto più famoso di Cordoba. Si tratta di una zuppa fredda di pomodoro con aggiunta di jamón (il celebre prosciutto crudo andaluso) e uovo sodo. In alternativa, potresti assaggiare il Flamenquín, una scaloppina di maiale arrotolata insieme ad una fetta di prosciutto.

Un piatto che mi ha colpito particolarmente e che ti consiglio è il Berenjenas con miel, ovvero una ricetta araba che consiste in melanzane fritte accompagnate dal miele. E mi raccomando, non dimenticare di farti servire un buon bicchiere di sangria, una bevanda che si sposa perfettamente con lo strepitoso cibo andaluso e che è preparata in modi diversi a seconda del locale in cui la ordini. Buon appetito!


Ora che siamo giunti al termine di questo articolo su cosa vedere a Cordoba in due giorni, non ti resta che passare alle tappe successive di questo viaggio in Andalusia.

Se invece desideri variare un po’, non posso che consigliarti di dirigerti verso la capitale. Ti lascio di seguito due spunti per approfondire:

Per avere il tuo viaggio organizzato, scrivimi una mail con scritto “info” a: viaggiaconnati@gmail.com.

Ricordati anche di seguirmi su Instagram e Facebook per rimanere sempre aggiornato e di iscriverti alla Newsletter per non perdere nessun articolo. Così facendo, riceverai anche un PDF con la lista di cose da mettere in valigia per un viaggio perfetto (che trovi qui se vuoi farti un’idea)!

Seguimi sui SocialFacebooktwitterpinterestinstagrammail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *