come la fotografia può dare colore al tuo viaggio

Come la fotografia può dare colore al tuo viaggio

Condividi con i tuoi amiciFacebooktwitterpinterestmail

Dopo l’articolo sul viaggiare eco-sostenibile, ora ti propongo un argomento un po’ diverso, con una nuova intervistata. L’argomento che affronteremo è: 

la fotografia e il suo modo di dare colore ad ogni viaggio!

A questo proposito ho scelto di dare spazio ad una donna fantastica, con una passione talmente grande per la fotografia, che ha deciso di farne il suo lavoro. Si chiama Valentina Sabino (su Instagram: @valina88_s) e con questa intervista, per la quale non la ringrazierò mai abbastanza, ha scelto di renderci partecipi di un po’ di quell’amore che nutre per la fotografia.
Non perdo altro tempo e lascio che si presenti da sola. Buona lettura giovane viaggiatore!

Intervista a Valentina: fotografia, colori e viaggi

Ciao Valentina, ti andrebbe di presentarti e raccontare brevemente di te e di cosa fai nella vita?
Ciao! Mi chiamo Valentina e nella vita sogno, sogno un sacco (oltre a vivere praticamente a bordo della mia Panda)! Sono laureata in Design con indirizzo grafica pubblicitaria e con il passare degli anni ho scoperto nella fotografia, l’unico modo per esprimermi, davanti a chiunque con un po’ meno di timori. Poi, piano piano, ho cominciato a dedicarmi a quelle poche persone in grado di “ascoltarmi” e non solo di “sentirmi”, come un rumore di sottofondo.

Potresti raccontare di quando e come è nata la tua passione per la fotografia?
Sono nata praticamente con la macchina fotografica in mano, consumando rullini su rullini. La passione è nata con me, un po’ come i primi capelli (e io ne avevo davvero tanti!). La consapevolezza, invece, è arrivata con le esperienze più forti della mia vita, quelle che avevo paura di dimenticare negli anni. Per questo, ho iniziato a sentire il bisogno di trovare qualcosa che mi avrebbe fatto ricordare quel profumo, quella musica. Devo confessarti che la fotografia, da fidata compagna di vita, è stata l’unica cosa che me l’ha permesso. E oggi ti giuro che guardando ogni scatto fatto negli anni (dove ovviamente io non appaio), ricordo perfino cosa indossavo in quell’istante.

Cos’è per te la fotografia?

La fotografia per me è voce, vita, colori (anche in una foto in bianco e nero), musica ed espressione dei miei sentimenti. Può essere anche un passatempo, ma non sarà mai una perdita di tempo.

Pensi che attraverso la fotografia sia possibile vedere un soggetto in maniera differente rispetto all’occhio umano?

Ci sono fotografi che costruiscono personaggi attraverso i loro scatti. Io, personalmente, non ne sono capace! Osservo, ascolto tantissimo chi fotografo e in questo modo cerco di catturare la sua anima… o perlomeno quella che percepisco io. Inoltre spero sempre che i miei soggetti, guardandosi nei miei scatti, possano dire “cavolo, sono proprio io!”

Cosa cerchi di comunicare attraverso le foto che scatti?

ll bello! A prescindere dalla situazione e dal contesto, ho imparato che c’è del bello da rendere immortale, in ogni singola cosa.

Quando viaggi, quanto reputi importante avere con te la tua macchina fotografica e per quale motivo?

FONDAMENTALE! Non sarei mai capace di partire senza (minimo) una macchina fotografica in valigia! La cosa che più mi piace fare è raccontare, lasciare un ricordo… e poi, ti confesso che mi fa sentire completa.

Qual è stato il viaggio che più ti ha segnato e per quale motivo?

L’anno scorso mi sono regalata un viaggio a Madrid. Per vari motivi sono dovuta partire da sola e dopo averla vissuta a pieno, sono tornata a casa con l’assurda voglia di condividere ogni angolo di quella città con i miei amici più cari. Viaggiare è condivisione!

Come descriveresti il “viaggio perfetto” in 3 parole?

Libertà, colori, curiosità.

C’è una meta, in particolare, che ti sentiresti di consigliare a livello fotografico?

Sono convinta che ognuno abbia un posto “suo”, quello che ti entra nel cuore, che ti fa sentire a casa sin dalla prima volta. Quel luogo che fotograferesti anche mille volte senza mai stancarti e trovando ogni volta qualcosa di nuovo e bellissimo. Quel posto di cui sei quasi gelosa… togliamo anche il quasi.

Qual è il prossimo viaggio che hai in programma?

Mi piacerebbe partire per abbracciare le persone che amo di più al mondo. Di questi tempi la destinazione ha poca importanza, ma mai senza macchina fotografica… che un posticino per fare due scatti lo trovo sempre!

Molti pensano che data l’esistenza dei moderni smartphone, non abbia più senso perdere tempo ad acquistare una macchina fotografica. Cosa ne pensi a riguardo?

Stiamo parlando degli smartphone che, a detta di molti: “Guarda, è più bella questa fotografia fatta con il telefono, piuttosto che quella con la tua macchina fotografica”.
La
mia risposta jolly in questi casi è: “Stampami la tua pazzesca foto in un formato che non sia una fototessera e poi ne riparliamo!”. La cosa che più mi terrorizza è labreve durata di uno scatto fatto con il cellulare. La vera domanda è: tra tanti anni, quanti ricordi andranno persi?
E poi sono una maniaca della qualità!

Ti andrebbe di consigliare una macchina fotografica, per chi è alle prime armi, a chi ti sta leggendo?

Anche se viene poco utilizzato, io consiglio sempre l’analogico! Solo così, puoi davvero percepire il valore della luce e del tempo, per realizzare uno scatto in particolare. Dopodiché, passare al digitale diventa una passeggiata, ve lo garantisco! Io ho iniziato con una Canon 250D (se non sbaglio) e ho adorato quella macchina, forse perché: il primo amore non si scorda mai.

C’è un messaggio, inerente ai temi sopra trattati, che ti senti di lanciare a chi ti sta leggendo?

Viaggio e fotografia sono nati per convivere. Che sia un viaggio mentale o fisico, spendete del tempo a creare immagini, ma soprattutto ricordi. Abbiate sempre fame di imparare e il desiderio di dar vita a qualcosa che faccia stare bene!
Ma soprattutto diventate amici dell’imprevisto e fatelo diventare sempre una bellissima occasione!

Buona luce, Valentina.

Conclusione: viaggio e fotografia, c’è differenza?

Penso che Valentina, con la sua passione, sia riuscita ad esprimere appieno un messaggio molto importante e che col passare degli anni abbiamo forse un po’ dimenticato! Siamo sempre tutti di fretta, facciamo fatica a viverci i momenti, ma soprattutto, a distanza di tempo stentiamo a ricordare le emozioni e le sensazioni che abbiamo provato in dei momenti felici.
La fotografia fa proprio questo! Coglie l’attimo, ferma il ricordo, rendendolo immortale. E proprio per questo motivo: viaggi e fotografia non possono e non devono essere separati!

Ti lascio con un ricordo di 7 anni fa. Io quel momento, ce l’ho impresso nel cuore.

Fotografia viaggio Canarie 2013

Fammi sapere se ti è piaciuto l’articolo qui sotto nei commenti! La tua opinione conta molto per aiutarmi a migliorare! A presto giovane viaggiatore.

Baci, Nat.

Seguimi sui SocialFacebooktwitterpinterestinstagrammail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *